Redazione        Contattaci

Seguici sui Social

La sacerdotessa del rock incorona la Puglia come nuova meta del rock

Si chiude la tre giorni di concerti del Medimex con il concerto-evento della mitica Patti Smith.
Seppure non sia l’esordio assoluto di Patti Smith in Puglia (a memoria ricordo già Alberobello e Bari negli scorsi anni), è il suo primo concerto a Taranto e comunque un’artista di questo calibro non riuscirebbe a stancarci neanche se venisse a suonare una volta l’anno.
La sua voce ancora oggi a 72 anni è pura magia, non solo quando canta ma anche quando rilascia interviste; è capace di trasudare fascino e devozione, meritandosi assolutamente ancora oggi quel soprannome di Sacerdotessa, totalmente adatto al suo carisma.
Ha parlato di ambiente, di rispetto della città, di non smettere di lottare per quello in cui si crede, di non lasciarsi sopraffare dai poteri forti, perché come recita la sua canzone più famosa, scritta con l’ormai defunto marito Fred “Sonic” Smith, la gente ha il potere, People have the power.
Chiude il concerto proprio con quest’ultima canzone indossando la maglia del Taranto Calcio, con il numero 10, come il numero dei fuoriclasse.
Non crediate che tutto ciò sia retorica o ricerca di facili consensi, perché lei ha sempre lottato per ciò che credeva, come quando da ragazza ha sempre lottato per diventare un’artista e credeva che la musica e la poesia avrebbero potuto cambiare il mondo; e lei ce l’ha fatta, grazie alla sua musica, a far diventare il mondo un posto più bello.

Puglia Rock è un magazine fotografico/musicale, volto a promuovere e documentare le attività musicali e gli artisti pugliesi.

info@pugliarock.it